Archivi tag: Bilbolbul

Bilbolbul 2009 | Le proiezioni

Nell’ambito della terza edizione di Bilbolbul – Festival Internazionale di Fumetto, a Bologna dal 4 all’8 marzo, le sale del Cinema Lumiére della Cineteca di Bologna ospitano una rassegna di film, documentari e cortometraggi d’animazione legati al mondo del fumetto.

Per la prima volta in Italia Good ol’ Charles Schulz di David Van Taylor (USA, 2007), documentario biografico sul celebre autore dei Peanuts. Attraverso straordinari materiali originali come le rare interviste televisive e gli home-movies di famiglia, Van Taylor traccia un ritratto complesso e toccante della personalità contrastata di Schultz, dalla prima striscia dei Peanuts nel 1950 all’ultima dell’ottobre 2000, uscita il giorno dopo la sua morte.

Di fumetto argentino tratta il documentario Imaginadores di Daniela Fiore (Argentina, 2008), che delinea un percorso storico nell’universo della “historieta” argentina dagli anni ’50 ad oggi. La potenza immaginativa del racconto disegnato (che in Argentina è spesso finita per caricarsi di radicali valori politici) viene raccontata mescolando le testimonianze di decine di disegnatori, editori, sceneggiatori e critici all’animazione delle tavole originali.

Il cinema d’animazione più personale e sperimentale è presente con un omaggio a Naoyuki Tsuji, artista giapponese classe 1972.  Le sue animazioni a matita e carboncino si definiscono nel continuo accumulo di tratti e progressive cancellazioni, rivelando misteriosi universi interiori. Proiettati ai festival di Cannes e Rotterdam, in gallerie e musei d’arte contemporanea in Giappone, Europa e Stati Uniti, i suoi film arrivano per la prima volta in Italia.

Alla street art infine, che con illustrazione e fumetto ha molto in comune, e in particolare a quella generazione di creativi californiani come Harmory Korine, Mike Mills, Barry McGee, nata con i graffiti e la cultura DIY anni ’90 e oggi affermata in diversi campi artistici (pittura, grafica, cinema, video), è dedicato Beautiful Losers di Aaron Rose (USA, 2008). Già presentato ai festival South by Southwest di Austin e di Locarno, a Bilbolbul in anteprima italiana.

Completano il programma il documentario HGO – Oesterheld di Victor Bailo e Daniel Stefanello e due imperdibili incontri/proiezione con Thomas Ott e Charles Burns.

Il programma completo e dettagliato della rassegna

Il sito web di Bilbolbul

Un estratto da Trilogy about Clouds di Naoyuki Tsuji (formato RealVideo)

Il trailer di Good ol’ Charles Schulz

Il trailer di Beautiful Losers

Il trailer di Imaginadores


Who They Are and What They Draw | Bilbolbul 2008

A partire dal 1990 Animate Projects, sostenuto da Arts Council England e dal canale tv inglese Channel 4, ha commissionato e prodotto ben 90 cortometraggi a cui la definizione tradizionale di “animazione” va decisamente stretta. Dal solo film realizzato il primo anno ai sette progetti in cantiere per il 2008, Animate ha costantemente ampliato il suo raggio d’azione, diventando il marchio di qualità che segnala opere e autori costantemente alla ricerca di nuove forme di espressione audiovisiva attraverso le tecniche più disparate, dall’animazione più tradizionale (disegno animato, film astratto, “passo uno”) a quella digitale (computer graphics, animazione 3D, elaborazione di riprese dal vero). I film Animate rappresentano una sfida costante allo sguardo e alla percezione, corrono il rischio di espandere radicalmente i confini di ciò che siamo abituati a considerare il cinema d’animazione, verso nuove forme e stili ibridi, con risultati riconosciuti nei più importanti film festival internazionali, così come in musei e gallerie d’arte contemporanea, dove sempre più spesso queste opere trovano spazio.

Per la prima volta in Italia una selezione dei lavori che per tecniche e stili più si avvicinano al mondo del disegno e del fumetto, frutto della creativita’ di dei piu’ interessanti artisti visivi, registi di videoclip, filmmaker sperimentali, animatori e disegnatori anglosassoni. Tra gli autori in programma il duo Semiconductor, Run Wrake, David Shrigley e Chris Shepherd.

Il programma “Who They Are and What They Draw – Omaggio a Animate Projects” è stato curato per BilBOlBul – Festival internazionale di fumetto (Bologna, 5-9 marzo 2008) e viene presentato a seguire nell’ambito di MAGIS International Film Studies Spring School (Gradisca d’Isonzo, 10 marzo 2008) e al Museo Nazionale del Cinema di Torino (14 marzo 2008).

Programma 1. Segni particolari

Cowboys | Phil Mulloy, 1991, 18′
Postcards of Belief | Lesley Adams, 2001, 5′
Rotting Artist | Ann Course, Paul Clark, 2002, 3′
13 | Simon Faithfull, 2004, 5′
As the Crow Flies | Carolina Melis, Susanne Flender, 2005, 5′
Careful | Damian Gascoigne, 2005, 6′
Who I Am and What I Want | David Shrigley, Chris Shepherd, 2005, 7′
Francis | Let Me Feel Your Finger First, 2007, 4′
The Life Size Zoetrope | Mark Simon Hewis, 2007, 7′
Proximity | Inger Lise Hansen, 2006, 4′

Programma 2. Color-azioni

Feeling My Way | Jonathan Hodgson, 1997, 5′
Expelling the Demon | Devlin Crow, 1999, 5′
Camouflage | Jonathan Hodgson, 2001, 8′
The Old Fools | Ruth Lingford, 2002, 6′
Exposure | Peter Collis, 2003, 5′
Mr Price | Tim Webb, 2004, 8′
Flight | Dryden Goodwin, 2005, 8′
Rabbit | Run Wrake, 2005′, 8′
We Believe in Happy Endings | Monika Forsberg, Susie Sparrow, 2006, 4′
Yours Truly | Osbert Parker, 2006, 5′
Magnetic Movie | Semiconductor, 2007, 5′